What are you looking for?
Scroll to top
Blonde d'Aquitaine

Italia-Francia

Blonde D'Aquitaine eccellenza culinaria
parallax
Gusto.
Un flusso costante

Paese che vai,
gusto che trovi

In Italia l’allevamento del bovino da carne si è sviluppato nelle regioni in cui abbondano mais e cereali, alimenti principali utilizzati negli allevamenti. La richiesta di carne del Paese è però superiore alle risorse autoctone, e per questo motivo a partire dagli anni ’60 si è creato un flusso costante di approvvigionamento di vitelli dall’Europa, e in particolare dalla Francia.

Tra le razze che maggiormente hanno contribuito allo sviluppo dell’allevamento da carne in Italia troviamo senz’altro la Blonde d’Aquitaine. È la più allevata in Piemonte perché risponde alle richieste del consumatore che, abituato alla carne della pregiata razza Piemontese, predilige un prodotto magro, tenero e delicato nei sapori, tutte caratteristiche che si ritrovano nella carne di questa razza.

La Carne

Le differenze

C’è da segnalare che storicamente i consumi in Italia e in Francia presentano una differenza sostanziale. I transalpini amano le carni più grasse, di colore più vivo e intenso e soprattutto più mature. Per questo vengono macellati soprattutto capi adulti o comunque più vecchi, come le vacche di 6/7 anni a fine carriera riproduttiva.

In Italia invece, da sempre, consumano carni più tenere, con colore più chiaro e soprattutto con gusto più delicato. Gli animali più adatti a soddisfare questi requisiti sono i vitelloni, cioè capi giovani maschi e femmine di età compresa tra i 12 e i 24 mesi.
Ecco perché i vitelli da ristallo francesi hanno trovato una naturale collocazione commerciale negli allevamenti italiani specializzati nella produzione di carne.

parallax
Carne d'eccellenza
Guarda il video
parallax

Ti va di risponderci?

Aiutaci compilando questo breve questionario. Regalaci cinque minuti!

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Approfondisci